Riforma Senato, Pagliaro (MRS): “Ci perde ancora il Salento”

2 aprile 2014, @ 4:35PM

“Con la riforma del Senato proposta da questo governo a rimetterci sara’, ancora una volta il Salento”. Cosi’ il presidente del Movimento Regione Salento, Paolo Pagliaro. “Non c’e’ alcuno spazio per la rappresentanza delle autonomie”, prosegue. “Solo i territori più protetti storicamente dalla politica potranno partecipare nell’Aula senatoriale. Bari, oltre a divenire città metropolitana, anche in quest’ottica, sara’ come sempre in primo piano. Tra il presidente di Regione, il sindaco di Bari, due consiglieri regionali e due sindaci -chissa’ di dove- il Salento dovra’ subire la forza baricentrica, nel silenzio disarmante dei suoi politici. Se ci fosse la Regione Salento, come per tutte le altre Regioni ( 11 su 20 sono più piccole del Salento ) sarebbe tutto molto diverso ed anche questa riforma potrebbe essere digerita dalla nostra comunita’.

In assenza, pero’, come e’ oggi, risulta un ennesimo schiaffo ad una terra che rivendica la sua peculiarita’ identitaria e culturale. Pensavamo che il Senato potesse diventare la “casa” delle autonomie locali. Purtroppo pero’, le autonomie sono sempre le stesse senza che a Roma ci si accorga della nostra terra. Anche Renzi -conclude Pagliaro- vuole mettere una pietra tombale sul Salento, ma noi non lo consentiremo senza combattere”. I nostri parlamentari e i vari amministratori Salentini si sveglino.

02/04/2014
Ufficio Stampa
Movimento Regione Salento

Posted by
Categories: Articoli

Nessun commento all'articolo
Lascia un commento