Pagliaro al direttore della Asl di Lecce: “avanti con l’analisi dei costi”.

1 febbraio 2012, @ 3:21PM

371 milioni una cifra enorme spesa, in un anno, dalla Asl di Lecce. I costi della Sanità pubblica sono la prova che i disservizi potrebbero esser evitati. Malgrado l’abnegazione di tutti gli operatori qualcosa non quadra.
Siamo nel 2012 e ricevere una nuova Tac dopo mesi e mesi di recriminazioni è la prova di un disinteresse per l’ospedale di Lecce, e per un Salento, che passa in secondo ordine per le scelte della Regione Puglia. Se da una parte la stampa giustamente incalza su sprechi e assenza di trasparenza, dall’altra non servono le passerelle di chi, sino ad oggi, a tutti i livelli, ha governato il nostro territorio.
Un sindaco ha il dovere di recuperare il suo ruolo di garante e e massima autorità sanitaria della città, e questo sarà il mio primo impegno. Non è solo una responsabilità formale ma una vera propria attività di controllo con verifiche mensili e relazioni sulla gestione dei dirigenti sanitari.

Non possiamo permetterci la Casta delle scelte, non solo politiche, sulla nostra sanità.
Ecco perché da subito chiedo al Direttore Generale della Asl di Lecce che abbia il coraggio, (i suoi predecessori non lo hanno avuto, di rendere pubblica l’Analisi dei Costi con una verifica immediata di tutti i costi che, troppe volte, impediscono l’acquisto anche di semplici medicinali per i pazienti ricoverati.

01/02/2012
di Paolo Pagliaro
Candidato Sindaco Primarie del Centrodestra

Posted by
Categories: Articoli

Nessun commento all'articolo
Lascia un commento