Vogliamo

LA METROPOLITANA DI SUPERFICIE DEL SALENTO.

IL CENTRODESTRA UNITO HA MANIFESTATO.
UN VIAGGIO A BORDO DEL TRENO DIESEL PER TESTIMONIARE IL DISAGIO DEL TERRITORIO.

Il centrodestra salentino unito è sceso ancora in campo (dopo poche settimane dalla Manifestazione di Santa Maria di Leuca con la quale si è chiesto a gran voce il completamento dei lavori della strada statale 275) questa volta per testimoniare lo stato delle Ferrovie salentine e dunque per combattere una battaglia ritenuta basilare per lo sviluppo di questo territorio: la realizzazione della Metropolitana di Superficie del Salento.

A chiamare l’adunata è stato il Movimento Regione Salento, presenti Fratelli d’Italia, Lega, e Forza Italia. Uniti si vince, questo è il primo messaggio, forte, chiaro, e diretto. Presenti, oltre a me, i Consiglieri regionali Antonio Gabellone di Fratelli d’Italia, Paride Mazzotta di Forza Italia, Gianni De Blasi della Lega.

Forze politiche, dirigenti e militanti, si sono ritrovati alle ore 10:15 nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Lecce, striscioni e vessilli al vento, prima della partenza in treno, nel massimo rispetto delle norme Anti Covid, per Gagliano del Capo.

Per percorrere 65 chilometri a bordo del treno diesel, unico modo per farlo in mancanza dell’elettrificazione, servono circa due ore e mezza, lo stesso tempo necessario per raggiungere Londra partendo da Brindisi. Una testimonianza forte e reale alla quale si sono uniti stazione per stazione i militanti ed altri dirigenti delle sezioni locali fino appunto a Gagliano del Capo. Un vero e proprio racconto del disagio e dell’arretratezza che il Salento è costretto a subire a causa di politiche che hanno sempre avvantaggiato Bari.

Torna al Manifesto del Movimento Regione Salento