In movimento per il “Risorgimento” del Salento. L’assemblea generale invoca strumenti di confronto politico per giungere alla costituzione della nuova regione. Una grande festa di popolo. La festa del popolo Salentino.

27 febbraio 2011, @ 6:06PM

Oltre 800 persone si sono ritrovate nella sala convegni Selva Rossa di Cantine due Palme a Cellino San Marco per la prima Assemblea generale del Movimento Regione Salento.

Il consenso ha ricevuto i saluti istituzionali della Provincia di Brindisi nella persona del Presidente Massimo Ferrarese e del Comune di Cellino San Marco nella persona dell’assessore Gabriele Elia.

Rappresentanti dei tre territori di Brindisi, Lecce e Taranto, hanno illustrato il nuovo impegno del Movimento mirato a favorire la crescita e lo sviluppo dell’area geografica di riferimento per sottrarla alla marginalità periferica in cui è stata costretta per troppo tempo e per chiarire i passaggi che portano alla costituzione di una regione autonoma e distinta dalla Puglia.

Contributi importanti da parte dei convenuti che hanno stimolato il Movimento e il presidente Paolo Pagliaro ad un impegno capillare sul territorio anche di carattere politico – amministrativo per portare avanti, dall’interno delle istituzioni l’istanza del referendum consultivo che porterebbe alla nascita della nuova regione.

La proposta del dei giovani e delle donne del Movimento si rivolge nella direzione della preparazione di liste in tutte le competizioni elettorali future, quelle a breve e a medio termine, con un’attività di informazione e comunicazione attenta, quotidiana, rivolta alla gente, nelle città, alla luce del sole, e senza timori.

L’Assemblea ha sancito la volontà di invertire la rotta che vede una subordinazione del Salento, rispetto al resto della Regione Puglia, respingendo l’inutile seduzione delle politica corrente, arrogante, e incapace di tradurre i bisogni reali della popolazione.

La convention è stata aperta e chiusa dal presidente del Movimento Paolo Pagliaro che ha ricordato la necessità di coltivare il sogno di un riscatto possibile e il dovere di tenere la barra dritta lungo la rotta che conduce all’obiettivo della Regione Salento, una regione di circa 1 milione e ottocentomila abitanti che avrebbe una dimensione ottimale per lo sviluppo e la qualità della vita.

“Se sarà necessario – ha affermato Pagliaro, raccogliendo gli spunti degli esponenti tarantini del Movimento e di numerosi interventi – faremo liste del movimento e candideremo i nostri uomini in tutte le competizioni elettorali, amministrative, regionali e finanche politiche”. Perché il Salento merita rispetto e considerazione e perché ci vuole qualcuno che, per amore di questa terra, lavori per essa: i partiti di oggi dimostrano, tutti, di non averne invece alcuna intenzione.

Uno dei punti di rilievo programmatico è stato la campagna di tesseramento al Movimento, avviata lo scorso 11 febbraio e ratificata dall’Assemblea generale che sta raccogliendo numerose adesioni di cittadini, giovani, studenti e professionisti. L’obiettivo è quello di raggiungere e superare le 10.000 tessere entro il 2011.

27/02/2011
di Ufficio Stampa
Movimento Regione Salento

 

Posted by
Categories: Articoli

Nessun commento all'articolo
Lascia un commento