“E se votassimo per alzata di mano?”

27 febbraio 2013, @ 5:49PM

Forse ci sarebbe meno caos! Non saprei…
So soltanto che da quando sono nata ad oggi, tranne qualcuno già trapassato, mi ritrovo tutti gli stessi allineati! Nessuno Rinnovamento, quindi! Chi entrò al Governo con i capelli neri, ora ha i capelli grigi ed occupa sempre una bella poltrona. Per chi già gli aveva, le tinture hanno dato il giusto aiuto.
Riflettevo, tra me e me, durante gli anni di scuola, il merito già mancava. Per molti, si andava bene ed avanti, per cognomi, per professioni, per ciò che i nonni avevano fatto o detto, per simpatia.
Devo dire che sarà stata quest’ultima che nella mia vita mi ha aiutato moltissimo ma quando mi sono messa in gioco politicamente mi e’ servita meno! Il Paese dei “soliti noti e voti”, quindi!
Tuttavia la vittoria di un “simpatico”  è  stata schiacciante.
Tale vittoria non e’ tanto da attribuire ai suoi programmi ma per il modo di rendere “partecipata” la gente comune! E’ la gente comune che fa girare l’economia , il sistema sociale in questo nostro Paese ed i soliti noti che la sotterreranno grazie ai loro inciuci.
Dare voce e pensiero a chi la vita la conosce in tutte le sue sfaccettature dà il giusto peso alla vittoria di Grillo.
Stiamo attenti, però!
Perchè se già un Governo di tecnici ha fallito alla grande, se già un susseguirsi di “esperti ” ha portato al tracollo il nostro bel Paese.
quali sarebbero i presupposti per un “giullare di corte” che vaga per le strade e le piazze e dà spettacolo di sè, senza mai presentare ai suoi banchettanti i suoi  “trovatori” scelti?
Mi auguro, per il bene comune, che Grillo non diventi presto uno dei tanti “ciarlatani” e “suonatori di tromba”.

27/02/2013
di Tonia Erriquez
Coordinatrice Femminile
Movimento Regione Salento

Posted by
Categories: Articoli

Nessun commento all'articolo
Lascia un commento