MRS con i cittadini di Lecce contro l’aumento delle rendite catastali

19 gennaio 2013, @ 3:34PM

Da oltre un anno noi del Movimento Regione Salento, poniamo l’attenzione al problema che vede coinvolti tutti i proprietari di abitazioni di Lecce, ovvero l’assurdo aumento delle rendite catastali della città. L’ 8.11.2012, in qualità di Vicepresidente del Movimento, invitavo il sindaco di Lecce a fermare questo odioso provvedimento.

Un provvedimento illegittimo nella forma e nella sostanza. Nella forma in quanto posto in essere dall’allora Giunta 2010, senza una adeguata discussione consigliare, e nella sostanza, perché colpisce tutte le abitazioni, indiscriminatamente, siano esse effettivamente aumentate di valore, siano invece esse addirittura svalutate dallo stato dei luoghi.

Si poteva, semmai, procedere ad una valutazione singola di ogni immobile, come previsto dalle norme e soprattutto dal buon senso.

Una scelta politicamente sbagliata, che colpisce tutti indistintamente, finendo, come sempre, per gravare soprattutto sui più deboli.

L’aumento delle rendite catastali è stata una libera decisione posta in essere dal Comune di Lecce e da soli altri 17 Comuni in tutta Italia, che prevede un salasso non indifferenti per tutti i cittadini, in quanto a tali rendite sono collegate numerose tasse, tra le quali l’IMU e l’IRPEF. In questo momento storico (ma valeva anche per il 2010) non si può continuare a mettere le mani nel portafoglio della gente, ormai alla disperazione più totale.

In questi giorni sono migliaia le persone che si stanno rivolgendo alle associazioni dei consumatori, le quali stanno facendo un lavoro straordinario e va il nostro plauso, per venire incontro alle esigenze di una cittadinanza disperata e priva delle adeguate informazioni su quanto sta accadendo.

Il Movimento Regione Salento si schiera al fianco dei cittadini leccesi, e chiede con forza che l’amministrazione comunale di Lecce provveda a far revocare l’aumento delle stime catastali posto in essere in questi giorni dall’Agenzia del Territorio, su indicazione dello stesso Comune.

In questo momento storico è impensabile continuare a salassare i cittadini

19/01/2013
di Cristian Sturdà
Vicepresidente
Movimento Regione Salento

Posted by
Categories: Articoli

Nessun commento all'articolo
Lascia un commento