Comunicato Stampa MIR PUGLIA

10 gennaio 2013, @ 3:06PM

Nella giornata di ieri a Roma presso la sede nazionale del MIR il Presidente Nazionale del MIR, Moderati in Rivoluzione, Giampiero Samorì, ed il Presidente Movimento regione Salento, Paolo Pagliaro, hanno posato solide fondamenta per avviare un percorso di ampio e lungo respiro politico.

I comuni valori e la comunanza di intenti hanno fatto si che il percorso si concludesse con la naturale federazione dei due movimenti, ponendosi l’obiettivo comune di riformare, attraverso una sana e attenta politica del fare che ponga al centro del proprio operato il cittadino, il modo di fare politica in Italia, in Puglia e nel Salento.

Troppe storture ha prodotto la cd seconda repubblica, che nel suo ventennale perdurare ha prodotto ingovernabilità e deficit di rappresentanza, tasse e povertà, confusione ed incertezze. Andare oltre questo catastrofico ventennio è l’obiettivo che si pongono i due movimenti federandosi, per riportare il cittadino e non l’interesse personale al centro dell’agenda Politica.

Sulla base di questi ragionamenti è stato naturale avviare un nuovo e duraturo percorso comune, per riformare il modo di fare Politica.

Nel corso dell’incontro il Presidente nazionale, Giampiero Samorì, ed il Presidente pugliese, Antonio D’Amore, hanno proposto a Paolo Pagliaro di essere il nuovo Coordinatore Regionale dei Moderati Italiani in Rivoluzione.

Il neo coordinatore, nel ringraziare per la stima e la fiducia dimostratagli, ha accettato il prestigioso incarico ponendosi l’obiettivo di far vincere anche in Puglia la sfida del riformismo, per premiare il merito partendo proprio dalle piccole Amministrazioni Comunali fino a giungere al più alto impegno Parlamentare nazinale .

Il difficile compito affidato al Dott. Pagliaro sarà quello di garantire la condivisione dei valori dei moderati e di ottenere la più ampia aggregazione possibile su tutto il territorio regionale.

10/01/2013
di Ufficio stampa
Moderati in Rivoluzione

Posted by
Categories: Articoli

Nessun commento all'articolo
Lascia un commento