Centrodestra tra vera e finta rifondazione

15 ottobre 2013, @ 10:57AM

Il dibattito interno al Pdl che sta caratterizzando la scena politica di questi giorni potrebbe diventare una grande opportunità per il Centrodestra italiano, a patto di voler cambiare davvero metodo di fare politica, in un tempo che lo pretende.
Lo stesso Berlusconi, costretto da eventi perfino più grandi di lui, ha davanti a sé l’occasione di rinnovare davvero il partito e raggiungere così un doppio risultato: quello di non cambiare solo l’etichetta di un soggetto politico, ma anche la stoffa e il modello; e quello di evitare che la Storia mandi in rassegna il suo contributo alla politica italiana classificandolo come ventennio da mettersi alle spalle in tutta fretta. La parola ventennio, infatti, comprende al suo interno tutti i limiti di un’attività pubblica che forse è davvero il caso di trasformare in qualcosa di diverso.
Le forze moderate e cattoliche del Paese non possono esaurirsi all’interno dello schema che qualcuno vorrebbe disegnare, uno schema fatto di scandali, guai giudiziari e questioni familiari di un singolo individuo. Ed è un bene che l’asse si sposti su forze fresche e che il dibattito cominci ad assomigliare ad un qualcosa di più democratico.
La stessa ineluttabile necessità di veder costretto Silvio Berlusconi a scendere in campo di persona per poter vincere le Elezioni è un elemento di chiara debolezza per tutto il Centrodestra che invece è un sistema più complesso del berlusconismo.
Tutto ciò riconoscendo a Berlusconi un carisma e un’intelligenza politica indiscutibili. Quella che gli vale la lealtà di Raffaele Fitto, il quale sta certamente lavorando per rinnovare il Pdl , senza distruggere il Centrodestra come rischiano di fare altri.
Ma i moderati sono in cerca di nuove sfide, nuovi protocolli comportamentali, nuovi obiettivi programmatici, se mi è consentito, un po’ più alti rispetto a quelli che si sono visti fin qui.
Gli italiani moderati, ma direi tutti i cittadini, hanno bisogno di risposte adeguate ai tempi, di riforme, di istituzioni serie e forti, di un’economia robusta e vitale. Tutte cose che l’Italia sta perdendo e che fino ad ora nessuna forza politica ha veramente fatto in modo di trasformare in realtà.
Le sfide sono lì, pronte per essere raccolte, ma si preferisce dividersi sul nome di Pdl o Forza Italia o si attende di vedere che fine toccherà in sorte allo storico leader prima di muoversi per conto proprio. E chiaro che in questo scenario, altre forze, certamente più sgangherate o estremiste, potrebbero avere il sopravvento.
Il Centrodestra ha una enorme responsabilità e deve preoccuparsi di ripartire sui binari giusti, perché altrimenti i treni buoni finiranno nelle mani dell’antipolitica che con pochi gesti e molta confusione è in grado di ribaltare le regole del gioco.
Maggiore partecipazione, quindi, e forze fresche, nuove energie, attori senza troppe rughe politiche ed soprattutto espressione della società civile, gente con idee e coraggio.
Si può fare, come no. Chi dice il contrario è in mala fede. Si può fare se si mette al primo posto il bisogno di riscattare l’immagine della politica italiana. Se si punta con decisione e la giusta determinazione nella direzione delle riforme istituzionali.
Abbiamo bisogno di eliminare gli sprechi e gli Enti inutili. Ma non abbiamo bisogno di Governi che abbattono le Province con un colpo di spugna senza preoccuparsi del poi, abbiamo bisogno, invece, di Governi capaci di governare il cambiamento e mettersi al passo con l’Europa il mondo.
Occorre un’attività di riorganizzazione dell’architettura statale a partire dalle Regioni e di un lavoro di manutenzione politico amministrativa.
Un nuovo regionalismo di cui oggi discutiamo con maggiore serenità, finalmente. Senza dividerci tra campanili e primogeniture, ma nell’interesse dei territori. Dare all’Italia istituzioni solide e solide fondamenta per poter lavorare con i giusti mezzi alla causa della crescita e dello sviluppo.
Partiamo dalla abolizione dei mille carrozzoni che pesantemente ci trasciniamo dietro e che i cittadini sorreggono a volte inconsapevolmente, alleggeriamo le Regioni, autentiche fornaci della spesa pubblica e avviciniamole al modello anglosassone di piccoli Stati autonomi, forti e inseriti in un sistema equilibrato, dove non ci siano Regioni potentissime e Regioni Cenerentola.
L’Italia viaggia a due velocità, perché regala ad alcune latitudini regioni come il Veneto e la Lombardia e ad altre, regioni come il Molise e la Basilicata. Ma non è solo questione di dimensioni, anzi. E’ proprio quello il problema. Un territorio di oltre quattrocento km di lunghezza come la Puglia non si regge in piedi, gli amministratori non lo possono visitare tutto nemmeno una volta in due mandati governativi, con il rischio di dare qui e togliere altrove, senza alcun principio di civica equità.
Disegnare sulla carta è un conto, ma poi occorre rinnovare responsabilmente anche i gruppi e la classe dirigente, perché, è chiaro, che regioni diverse con le stesse persone al comando non risolvono un bel niente.
Il Centrodestra ha da riflettere ma deve farlo subito. Se mette mano al rinnovamento della sua dirigenza a vari livelli e punta sulla riorganizzazione dell’apparto burocratico statale, può diventare un’opera d’arte. Altrimenti rimarrà la solita vecchia crosta.

15/10/2013
di Paolo Pagliaro

Posted by
Categories: Articoli

Nessun commento all'articolo
Lascia un commento